06 dic 2008

55% STOP ALLE DETRAZIONI



Nella passata legislatura è stato varato il “decreto Bersani” mediante il quale chi nel corso del 2008 (e anni successivi) effettuava nella propria abitazione interventi di riqualificazione energetica poteva contare su un abbuono da parte dello stato del 55% della spesa effettuata da avere suddiviso nei successivi tre anni, in poche parole il cittadino anticipava il 100% della spesa e lo stato garantiva la restituzione di una parte. Grazie a questo decreto per rendere per così dire le nostre “case più verdi” si era data una mano anche allo sviluppo dell’economia poiché tanti cittadini incentivati da questo bonus mettevano mano al portafogli e modificavano le proprie abitazioni.

C’è chi ha detto ogni governo fa la sua caz..ta beh per questo “Berlusconi III” non è la prima.
La scorsa settimana infatti nel “Decreto anti-crisi” varato dall’attuale governo tra le leggi che in teoria dovevano aiutare lo sviluppo viene approvata una modifica del decreto Bersani oltretutto retroattiva che senza dilungarmi troppo non assicurava più, nemmeno per chi nel corso del 2008 aveva già effettuato gli interventi di avere la restituzione della famosa somma del 55%. Non si sa bene se questo governo scriva decreti sperando che passino inosservati ma fortunatamente questa volta le famiglie hanno tempestato di mail e lettere per protesta e così il ministro dell’economia Tremonti è stato costretto a dichiarare che apporterà modifiche per ri-modificare il decreto.

Ora a parte che fanno e disfano decreti dall’oggi al domani ma gli italiani sono stanchi di esser presi in giro per non dire altro, lo sgravio fiscale deve rimanere invariato per chi ha già iniziato gli interventi e per chi li ha già terminati, non si possono cambiare le regole del gioco mentre si sta svolgendo la partita. Insomma con l’ultimo decreto è stato comunque eliminato l’automatismo che regolava la sicurezza di avere la restituzione del 55% e quindi si presume che nel corso del 2009 chi aveva intenzione di investire utilizzando gli incentivi probabilmente non lo farà o se lo farà probabilmente non lo farà in maniera regolare.
Restiamo in attesa di sviluppi
Stay connected…

Nessun commento:

Posta un commento