08 dic 2008

QUESTIONE DI MORALITA’



Ieri il Nostro Presidente del Consiglio “Silvio Berlusconi” e tutto il suo gruppo parlamentare parlava di moralità, proprio loro si, parlano di questioni morali. Vorrei ricordare che nel gruppo parlamentare del PDL ci sono diversi inquisiti, condannati e lo stesso Premier si è Costruito un scudo chiamato LODO Alfano per non farsi processare.
Il folto gruppo del Popolo Della Libertà ha il coraggio di parlare di moralità?!?!
Ci tengo a ricordare che, il padre fondatore di Forza Italia l’onorevole Marcello Dell’Utri è stato condannato a 9 anni per concorso in associazione mafiosa, Castelli (Lega Nord) indagato per abuso d’ufficio salvato dalla “Casta” e quindi non processato, Il capogruppo Cicchitto tessera P2 (Loggia massonica di Licio Gelli), Altero Matteoli imputato per favoreggiamento (questioni edilizie), Maroni (LEGA NORD) condannato per oltraggio a pubblico ufficiale (ha morso una caviglia ad un agente), Fitto che era proprio la settimana scorsa a Ballarò a fare la morale indagato per corruzione e finanziamenti illeciti, … si potrebbe continuare per molti altri (45 sono i parlamentari del PDL condannati)…

Ma prima di tutti lo stesso Premier, un uomo con diverse prescrizioni per processi, un uomo che non rispondeva alle domande dei giudici, non si presentava ai processi, e diverse amnistie, ma con il LODO Alfano in primis non è nelle condizioni di parlare di moralità, purtroppo le Nostre televisioni sono al suo servizio (Mediaset sua proprietà) e RAI (al servizio dei partiti) danno la possibilità ai suoi parlamentari di parlare a ruota libera senza nessuna domanda vera, ieri addirittura un parlamentare a dichiarato che il centro sinistra e i cittadini italiani dovrebbero chiedere scusa a Craxi (scappato all’estero per paura di essere arrestato), beh tutto ciò è intollerabile…

Questa è la questione morale?
A voi i commenti
Stay Connected

2 commenti:

  1. per tutto quello che hai detto è importantissimo far circolare la verità ............. che ormai in TV non si sente più, o quasi.
    ciao

    RispondiElimina